Galleria

Oggi aperto fino alle 20:30

Ipermercato

Oggi aperto fino alle 21:00

Ristorazione

Oggi aperto fino alle 20:30
Scopri tutti gli orari >>
<< Torna all'elenco

IL BOOM DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE

lifestyle

Anche gli spostamenti in città diventano green

Più passa il tempo, maggiore è la consapevolezza di doverci spostare verso stili di vita più green e sostenibili, in modo da non pesare negativamente sul pianeta.

La rivoluzione green dell’UE

Gran parte dei Paesi dell’Unione Europea, compreso il nostro, si sta impegnando per diminuire le emissioni inquinanti, soprattutto per migliorare la qualità dell’aria all’interno delle grandi città. Il settore dei trasporti ha infatti un impatto significativo sull’ambiente e la mobilità sostenibile può rappresentare un grande punto di partenza strategico per una rivoluzione green. Per muoversi in modo più ecologico è necessario prendere in considerazione nuove forme di mobilità alternativa. L’obiettivo è quello di sfruttare le potenzialità dei diversi mezzi di trasporto per ridurre il traffico, non pesare sul portafoglio dei cittadini ma soprattutto tutelare l’ambiente.

Alternative ecosostenibili ai mezzi inquinanti

Recentemente il governo ha liberalizzato nuove modalità di trasporto e in strada sono comparsi veicoli ecologici come i monopattini elettrici, i segway, gli hoverboard e i monowheel. Va detto però che non mancano le perplessità per via delle norme di sicurezza poco chiare e ancora non ben definite. Sicuramente, quando possibile, andare a piedi o utilizzare la bicicletta sarebbe la soluzione migliore. Non sempre questo risulta fattibile, ad esempio in caso di tragitti medio-lunghi o in presenza di un clima non favorevole. Abbiamo anche visto nascere numerosi servizi di mobilità condivisa (sharing), spesso supportati da app e sistemi digitali che consentono ai viaggiatori di trovare velocemente il proprio mezzo di trasporto o magari dei “compagni di viaggio” con cui dividere mezzo e costi, inquinando meno. Grazie alla tecnologia, infatti, bastano poche semplici e intuitive mosse per prenotare il mezzo desiderato e raggiungere la propria destinazione.

Dallo sharing alle auto elettriche

Un esempio concreto sono gli sharing di monopattini, biciclette e moto, dove i servizi si diramano i due tipologie: il cosiddetto free floating, ovvero la possibilità di noleggiarli e lasciarli dove si preferisce o il servizio classico station based che invece prevede un abbonamento tramite il quale li si affitta per un tempo maggiore. Nel caso delle auto si parla di car sharing quando il mezzo viene “noleggiato” per più ore o giorni, e di car pooling quando un’automobile è condivisa da più persone, spesso colleghi o conoscenti, che percorrono lo stesso tragitto negli stessi orari. Il secondo vettore per ridurre i consumi e i costi dei propri spostamenti è l’adozione di mezzi ad emissioni ridotte, ovvero dotati di motori ibridi o elettrici. Le auto ibride, sempre più diffuse e ormai pubblicizzate ovunque, vantano due motori, uno di natura elettrica e l’altro endotermico, una tecnologia che permette una notevole riduzione dei consumi, garantendo un’autonomia simile alle macchine alimentate a combustibile. L’auto elettrica è invece un’automobile con solo un motore elettrico e necessità di una colonnina di ricarica “plug in” per il rifornimento di energia: al momento ancora un po’ “scomoda”, ma di certo vincente perché azzera sia le emissioni di inquinanti sia l’inquinamento acustico tipici delle auto tradizionali.

Gli altri trends